Via De Amicis ore 8:55

20111124-100415.jpg

Annunci

Tutti in Class – Il ritrovo

Iniziativa “ciclistica” promossa da Radio Popolare per la campagna abbonamenti della radio.

http://blog.radiopopolare.it/abbonaggio/2011/11/17/tutti-in-class-il-ritrovo/

“Tragica fatalità” in via Solari

a freddo, due settimane dopo ritorno sulla tragica morte del ragazzino in via Solari per fare  due piccole osservazioni.

La prima riguarda la ricerca, per quello che mi pare di aver letto, di responsabilità personali: il conducente del tram, la persona che guidava l’automobile in sosta vietata, la ragazza che ha aperto la portiera senza prima guardare. E’ questo il nocciolo della questione? Non voglio dire che non ci siano responsabilità singole; ci sono e verranno individuate dalla magistratura. Ma il punto è un altro: i ciclisti devono poter pedalare in un ambito stradale protetto e esclusivo. Punto e basta. Fino a quando non sarà così corremo sempre il rischio di un incidente per “tragica fatalità”.

La seconda riguarda la decisione di eseguire nei giorni successivi alla tragedia 266 multe per divieto di sosta da parte della polizia locale. Non critico le multe in sé; sono sacrosante perché intralciano traffico e sicurezza stradale. Quello che trovo però meschino è che il giorno dopo l’irreparabile si faccia un’azione dimostrativa. E’ la dimostrazione che si poteva intervenire e non si è intervenuti. E’ la dimostrazione che se si esce sul giornale allora vale politicamente la pena di impegnarsi. Un brutto segnale.

Rimane nella pancia un evento inaccettabile per ogni genitore.

Indovinello (del ciclista in pericolo)

Rispetto a quest’incrocio tra via Carducci e via S.Vittore, cosa è più pericoloso?

A) Il furgone parcheggiato all’ingresso della ciclabile

B) La ciclabile stessa che comunque finirebbe dopo 5 metri senza continuità con le piste ciclabili di via De Amicis e via Olona

C) Le moto che passano davanti, dietro e “sopra” i ciclisti.

Io conosco la risposta giusta. Ma non la dico.

Lavori sulla ciclabile. E i ciclisti?

Ogni volta che vedo dei lavori che necessariamente occupano la pista ciclabile, mi sorprendo della loro gestione.
Invece di prevedere un corrodoio di sicurezza per il ciclista, in pratica si elimina la pista. Come in questo caso di via Carducci.
Una cosa è sicura, farei bene a non sorprendermi più.

20111116-005725.jpg