In bici pieghevole lungo il Naviglio Grande

Ecco il tragitto che ho percorso con la mia bicicletta pieghevole Tern P9 lungo il Naviglio Grande dalla darsena di porta Ticinese di Milano ad Abbiategrasso.

Si tratta di una pedalata molto semplice e completamente pianeggiante di circa 20 chilometri per lo più su pista ciclabile lungo il Naviglio Grande, interessante sia dal punto di vista storico che da quello paesaggistico. Si possono anche vedere alcuni orrori tipici dello sviluppo urbanistico selvaggio dell’hinterland milanese.

Da notare che in questo tratto il Naviglio Grande è frequentato anche da famiglie a piedi, mamme con passeggino, gente che corre, pensionati sulle panchine che leggono il giornale, etc. Il percorso è quindi sconsigliato a chi voglia fare sport serio, spingendo a fondo sui pedali.

Ecco il tragitto in foto.

IMG_4145

IMG_4144

IMG_4142

IMG_4141

IMG_4140

IMG_4139

IMG_4138

IMG_4137

IMG_4136

IMG_4135

IMG_4134

IMG_4133

IMG_4130

IMG_4129

IMG_4128

IMG_4126

IMG_4125

IMG_4124

IMG_4123

IMG_4122

IMG_4120

IMG_4119

IMG_4118

IMG_4116

IMG_4115

IMG_4114

IMG_4112

IMG_4110

IMG_4108

IMG_4107

IMG_4106

IMG_4105

IMG_4104

IMG_4103

IMG_4101

IMG_4100

IMG_4099

IMG_4098

IMG_4097

IMG_4095

IMG_4092

IMG_4091

IMG_4090

IMG_4087

IMG_4086

IMG_4083

IMG_4081

IMG_4077

IMG_4075

IMG_4068

IMG_4065

IMG_4063

 

Annunci

Bici-treno-bici: si può fare!

Faccio un bilancio della mia prima settimana da ciclo-pendolare Milano-Treviglio, da commuter bici, treno, bici.

Il tragitto.
Dall’Arco della Pace alla stazione Centrale c’è una delle ciclabili migliori di Milano. Da viale Elvezia a via Gioia il percorso è quasi sempre ben tenuto e separato dalla carreggiata. Qualche intersezione nella quale stare un po’ attenti, tratti di pavė non certo amici del fondoschiena del ciclista, assenza di “corridoio” di sicurezza per le bici tra Gioia e la stazione ma in generale molto bene. Venticinque minuti.
A Treviglio pista ciclabile separata dalla carreggiata (condivisa con i pedoni) dalla stazione alla mia destinazione. Dieci minuti. Ottimo.

La bicicletta.
Una pieghevole della Tern, la link p9. Maneggevole e scorrevole. Se spingi va anche forte. Rapida nel fold/unfold. Non diventa piccolissima una volta piegata ma non dovendo salire in metro per me va benissimo. La ruota 20 subisce abbastanza il pavé sia come vibrazioni che come tenuta del reggisella (!) ma tutto sommato sono più che soddisfatto. Inoltre… è molto molto bella da vedersi (gusto mio ovviamente).

I treni.
Nota dolente anzi direi sanguinante, su 10 tragitti 10 ritardi tra 5 e 39 minuti sui 29 da orario ufficiale. Non c’è che dire Trenitalia conferma la propria pessima reputazione per quanto riguarda il trasporto locale. Meglio non parlare poi della pulizia. Non demordo, spero metafisicamente in miglioramenti e covo la speranza di ribellioni collettive.

Concludo con la nota più importante per me: la soddisfazione di rispettare l’ambiente, non ingorgare il territorio con un’altra automobile, fare un po’ di attività fisica, non buttare denaro in carburante… fare una piccola cosa giusta tutti i giorni.

p.s. seguirà fotoracconto.